Bando FITTI 2019 / L. 431/98 Regione Campania - AGGIORNAMENTI

Aumentati gli stanziamenti regionali per far fronte alla INTERA graduatoria dei soggetti ammessi.

 

La Regione Campania ha integrato il fondo destinato al Bando fitti 2019 (L.- 431/98) dando indirizzo a tutti i Comuni assegnatari dei fondi di ridurre il contributo massimo erogabile per le annualità 2019 al 50%, così da finanziare tutte le domande ammissibili pervenute e inserite nelle graduatorie definitive di cui al DD 60 del 9 giugno 2020 (clicca il link per la consultazione).

In  attesa del trasferimento delle necessarie risorse da parte della Regione Campania, tutti i beneficiari sono invitati a produrre la documentazione così come prevista dall'art. 5 allegato A) del bando regionale:

a) copia del documento di identità in corso di validità del richiedente;
b) dichiarazione resa dal richiedente, ai sensi del D.P.R. 445/2000, del possesso, unitamente al proprio nucleo familiare, dei requisiti previsti dalla normativa regionale per l’accesso all'edilizia residenziale  pubblica; (vedi anche modello di DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI ERP)
c) copia del permesso di soggiorno/permesso CE per soggiornanti di lungo periodo (carta di soggiorno) in corso di validità (ai sensi del D,Lgs. 286/1998 e ss.mm.ii) del richiedente;
d) eventuale documentazione attestante il possesso dei requisiti preferenziali;
e) copia del contratto di locazione regolarmente registrato;
f) copia del pagamento dell'ultima registrazione valida del contratto di locazione, ove dovuto, oppure copia della raccomandata inviata dal proprietario che attesta l'adesione al nuovo regime di "cedolare secca", nel caso non risulti dal contratto di locazione, oppure altra documentazione elaborata dall'Agenzia delle Entrate;
g) attestazione ISE / ISEE in corso di validità (riferita alla dichiarazione redditi 2018);
h) la documentazione attestante il pagamento dei canoni di locazione relativi all'anno 2019;
i) i soggetti con ISE zero devono presentare certificazione a firma del responsabile del competente ufficio comunale, che attesta che il soggetto richiedente usufruisce di assistenza da parte dei Servizi Sociali del Comune oppure autocertificazione circa la fonte di sostentamento utilizzando il modulo allegato al bando (Modulo Dichiarazione Sostentamento);

l) Il percettore di reddito di cittadinanza può accedere al contributo di cui al presente bando, esclusivamente
per le eventuali mensilità del 2019 non coperte dal reddito/pensione di cittadinanza. I soggetti percettori di reddito di cittadinanza devono dichiarare per quali mensilità non hanno percepito il reddito di cittadinanza, compilando l'apposito modello di autocertificazione;

m) dichiarazione di eventuale partecipazione al bando di contributo fitto per emergenza da COVID-19;
n) attestazione bancaria o postale Codice IBAN. 

NB TUTTI I DOCUMENTI E LE COPIE DEVONO ESSERE PERFETTAMENTE LEGGIBILI SENZA CORREZIONI PENA L'ESCLUSIONE DAL CONTRIBUTO E PRESENTATI:

entro le ore 12,30 del 7 Agosto 2020.

Il Comune, ai sensi e per gli effetti di cui all’art.71 e seguenti del DPR 445/2000, procederà ad effettuare
controlli che interessino un campione significativo di beneficiari, avvalendosi delle informazioni in proprio
possesso, nonché di quelle di altri enti della Pubblica Amministrazione, anche attraverso la richiesta di
idonea documentazione relativa al patrimonio mobiliare detenuto sia in Italia che all’estero. In relazione a
casi particolari, il Comune provvede all’invio alla Guardia di Finanza competente per territorio degli elenchi
dei beneficiari oggetto di una più attenta valutazione.
Nei casi di dichiarazioni mendaci rilasciate al fine di ottenere indebitamente il beneficio del contributo, il
dichiarante e i componenti il suo nucleo familiare decadono dai benefici eventualmente conseguiti sulla
base della dichiarazione non veritiera, con obbligo di restituzione della somma eventualmente percepita ed
il dichiarante incorrerà nelle sanzioni previste dal codice penale e dalle leggi specifiche in materia.

Area Sociale